Contatti

Via Borgospesso, 21 – Milano

+39 02 799 633

info@merciavous.it

  • Dal Martedì al Sabato

    9:00 - 19:00

Il simbolismo dei capelli

E’ ormai noto come i capelli siano una parte fondamentale dell’essere umano anche a livello spirituale. Essi sono infatti accumulatori di energia e più sono lunghi più ne possono raccogliere, conservano la nostra energia individuale. Secondo la bioenergetica, sono in grado di conservare l’accumulo di stress che viviamo ogni giorno, per questo un buon modo per liberarsi dell’energia negativa è cambiare pettinatura, tanto che gli psicologi oggi consigliano di modificare il proprio taglio o colore quando si attraversa una fase negativa. Lo sapevano già i nostri antenati, che dopo il taglio raccoglievano le ciocche per bruciarle, affinché nessuna entità malvagia potesse adoperarli.
Il loro simbolismo ruota intorno ai seguenti concetti:

  • FORZA: i capelli esprimono il vigore dell’organismo e la vitalità della persona. In diverse culture la chioma folta e fluente nell’uomo richiama la forza virile e istintuale – imparentata con il mondo animale e naturale – mentre una capigliatura rigogliosa e spettinata viene spesso collegata alla forza intellettuale e all’energia creativa;
  • LEGAMI: possono richiamare l’immagine di fili, corde o ponti tesi in varie direzioni. Con gli altri, con se stessi, con la propria immagine, con la vita. Non a caso diverse forme di alopecia seguono dei lutti, perdite reali o immaginate, separazioni;
  • IDENTITA: I capelli partecipano all’identità fisica e globale, rappresentando il proprio modo di essere, di pensare, di porsi nei confronti degli altri, di sedurre. In questo senso i capelli diventano uno strumento di comunicazione. Spesso, un nuovo taglio di capelli simboleggia una svolta esistenziale, “un punto e a capo”. Così, con la loro malleabilità e capacità di rigenerarsi, essi richiamano anche la possibilità di agire su di sé in modo concreto, una metamorfosi estetica e al contempo interiore.
  • CICLICITA: come l’individuo, ogni capello compie il suo ciclo di nascita, vita e morte: è quello dell’essere e della natura. Partecipano del simbolismo arcaico del “fluire della Forza”, secondo ritmi e tempi vicini a quelli della natura e in particolare degli alberi, con cui sono in stretta analogia.